Chei antipatics di furlans ruspis


Cuant che jessi sclets al è un difiet



In chei dîs ca al ten banc il non di un furlan: Fabio Capello di Pieris al è deventât ct de Inghiltere. «Don Fabio», che cumò al deventarà «Mister Fabio», al è considerât un antipatic, ancje se chest aneddoto che al cite il crot al samearès dî il contrari. Ancje cuant che al fâs il comentadôr Capello al è simpri precîs tal lavôr, ma plasevul, e alore di dulà cheste nomee?
Un gjiornalist che lu cognos ben, une volte al mi à dit che il so “difiet” al è che cuant che si cjate devant un mone, lui nol è bon di fâ fente di nuie e i al dîs in muse.

Mi ven iniment la cunvigne apene stade a Glemone lis oparis leteraris di pre Toni Beline: ancje lui al jere considerât un ruspi. Prime de discussion, a son stâts proietâts dai video di pre Toni e si è viodût come che lui al sbusave il video: batudis, ironie e scletece. Lui, difat, al jere cussì, e jo o ai marcât il fat che invesit cualchi gjornalist al à scrit nome che al jere «ruspi».
Il retôr Furio Honsell, vie che al leieve (par furlan) dai tocs di un so libri sotlineant cheste ironie, a un cert pont al à dit: forsit al jere considerât ruspi, a dispiet dal so humor, parcè che al jere sclet e intransigjent.
Eco, chest al è il brut “difiet” dai furlans, un difiet soredut par la societât taliane, tant di mostre e falsute.

Advertisements