La muart
lu à tolet via


«Cuant che al riva atomp al è dificil restâ achi e restâ vîfs» («Sabida di sera», Giorgio Ferigo, Povolâr Ensamble)


Îr, vie pal dì, la Cjargne (e il Friûl) a an pierdût un altri grant toc de lôr culture. Al è muart Giorgio Ferigo.
Lu descrîf ben un parê che o ai cjatât ator pal web:
«Giorgio Ferigo è un uomo di stampo rinascimentale: medico, intellettuale, scrittore, poeta, studioso e conoscitore della storia e della cultura della regione, delle sue molte anime, presenti e passate.»

Tal cjamp de musiche lu ricuardin tant che leader dai Povolâr Ensemble che a cjantarin ancje Brassens par cjargnel.

Sul sît Cjargne on line (no ai mai fat i compliments a chest sito ecezionâl, ma s’ai mertin ducj e simpri) o podeis scoltâ 6 tocs dai Povolâr Ensamble.
Par chei che no ju cognossin l’emozion e sarà chê che a è stade la mê tal scoltâiu lis primis voltis: «ma cemût isal pussibil che di chest grup no ai mai sintût fevelâ?»

Ma la sô produzion poetiche, leterarie, storiche, politiche e je infinide.

Come autôr dispès inmagât dal concet de muart, cheste volte jê lu à tolet vie…

Flaba par gno fradi piciul, Povolâr Ensemble

(Achi in version live su friul tv)

Di not quant ch’a polsin omps e ‘nemai

ma il frut a no’l riva a durmî

il vint a lu puarta cun sè

sul Talm scûr di pez

A lu pon su una šišùla di luna

cuviert da un bleòn di nêf

il vint al’è un liròn

par fâlu indurmidî

Il frut al slungja il so braciùt

par brincâ la štela plui biela

la štela gjalùt

ca dà il bondì

scotada la man

fuìda la štela

il vint al’è un fazolèt

par metisi a vaî

Quant che il sorêli al vierc’ i trois

e al tocùla ai vêris dai balcons

il vint al’è un aquilòn

par podê tornâ in plan

Strac di tancj giûcs insumiâs

e di tancj sums giuiâs

il vint al si rešenta

ta l’âga dal Dèan

Giorgio Ferigo

Fiaba per mio fratello piccolo

Di notte quando riposano uomini ed animali / ma il bambino non riesce a dormire / il vento lo porta con sè / sul Talm (monte sopra Comeglians) scuro di abeti / Lo posa su un truciolo di luna / coperto da un lenzuolo di neve / il vento è un violoncello / per farlo addormentare
Il bimbo allunga il braccino / per catturare la stella più bella / la stella galletto / che dà il buongiorno / Scottata la mano / fuggita la stella / il vento è un fazzoletto / per mettersi a piangere
Quando il sole apre i sentieri / e bussa ai vetri delle finestre / il vento è un aquilone / per tornare a valle / Stanco di tanti giochi sognati / e di tanti sogni giocati / il vento si risciacqua / nell’acqua del Degano (il fiume di Comeglians).
(copiade dal blog Amarantide)

Advertisements