Corot

Miârs par pre Toni

Mandi di chest esilio di Milan che in gracie dal lavôr no mi à podût permeti di jessi presint par l’adiu a pre Toni. Mandi di chi dulà che al è simpri plui dificil cjatâ fuarce e voie di meti su dai “post” sul blog.
No ai podût jessi presint e al è grant il displasê, ma o ai vude la grande fortune di vê dividût cun lui part dal ultim periodo de so vite lavorant insieme a «La Patrie dal Friûl». Fortune ma ancje strazi, parceche cussì al è TANT, TANT PLUI GRANT il dolôr e la consapevolece di cui che o vin pierdût masse, masse, masse adore.

In miârs al funerâl di pre Toni Beline. L’afluence e à dal incredibil se si pense che pre Toni nol jere mai nomenât sui media uficiâi. E infati il Messaggero tant par no mancjâ l’abitudin nol piert ocasion di operâ censure, chest colp su lis bandieris furlanis presintis in grande cuantitât, pur titulant «In migliaia per l’addio a “pre Beline”». Un biel palotolîr bisugne daial a chei dal Gazzettino che al fevele nome di «Parecchie centinaia di persone», un bon servizi mi an dit che al à fat Telefriuli.
E va indevant la stupidade dal «predi scontrôs» fevelant di cheste persone dolcisime… Sì, scontrôs cui potents, no cu le int, come che si è viodût.

Advertisements