»»» ILfurlanist 482
La domande e je: parcè no ise rispietade la leç?
Cualchi volte al bastarès cjoli il test normatîf e leilu
Noaltris no vin di sbassâsi al nivel di chei che a alcin il polvaron cul unic interès di gjavâ la atenzion dal vêr probleme. O vin di jessi costrutîfs e propositîfs.
Chest a son il come 1 e 2 dal art. 4 de leç 482/99 che a disin:
1. Nelle scuole materne dei comuni di cui all’articolo 3, l’educazione linguistica prevede, accanto all’uso della lingua italiana, anche l’uso della lingua della minoranza per lo svolgimento delle attività educative. Nelle scuole elementari e nelle scuole secondarie di primo grado é previsto l’uso anche della lingua della minoranza come strumento di insegnamento. (in pratiche, si fevele di ûs veicolâr de lenghe furlane tes scuelis).
2. Le istituzioni scolastiche elementari e secondarie di primo grado, in conformità a quanto previsto dall’articolo 3, comma 1, della presente legge, nell’esercizio dell’autonomia organizzativa e didattica di cui all’articolo 21, commi 8 e 9, della legge 15 marzo 1997, n. 59, nei limiti dell’orario curriculare complessivo definito a livello nazionale e nel rispetto dei complessivi obblighi di servizio dei docenti previsti dai contratti collettivi, al fine di assicurare l’apprendimento della lingua della minoranza, deliberano, anche sulla base delle richieste dei genitori degli alunni, le modalità di svolgimento delle attività di insegnamento della lingua e delle tradizioni culturali delle comunità locali, stabilendone i tempi e le metodologie, nonché stabilendo i criteri di valutazione degli alunni e le modalità di impiego di docenti qualificati.
(chi invezit l’argoment al è la lenghe e la culture furlanis come materie di studi).
No si scjampe: la leç e fevele clâr stant che e dopre l’indicatîf presint "prevede, è previsto, deliberano".
Se intun stât di dirit a valin lis leçs, tocje fâlis rispietâ e al è compit di ducj noaltris cirî di sensibilizâ prin di dut i furlans sul fat che un nestri dirit, tutelât di une leç, nol è inmò rispietât te pratiche, parcè che la leç no je aplicade. O varessin di domandâsi parcè.
Parcè no mandâ une mail copiant chescj doi comis, domandant il rispiet di ce che al è scrit in cheste leç dal stât?

Advertisements